Introduzione

I saldi invernali e quelli estivi sono tra i momenti dell'anno più attesi da consumatori e negozianti: come da tradizione, da un lato, le grandi vendite promozionali di fine stagione rappresentano un'occasione importante per liberare i magazzini della merce invenduta, anche accontentandosi di un margine di guadagno contenuto, mentre dall'altro offrono un'ottima opportunità di fare acquisti a costi convenienti.

Per alcuni tipi di attività, ad esempio quelle del settore abbigliamento e calzature, i saldi possono generare fino al 20% del fatturato annuale complessivo, dunque appare evidente quanto sia importante sfruttare tutti i canali possibili per promuovere le offerte proposte dalla propria attività e raggiungere un bacino di utenti il più ampio possibile.

Le newsletter dedicate ai saldi invernali e a quelli estivi sono appuntamenti immancabili per una campagna di email marketing progettata con la dovuta attenzione. Tuttavia, non sempre è facile capire come sfruttare al meglio questo vantaggioso strumento per catturare l'attenzione degli utenti e convincerli a visitare il punto vendita o ad approfittare degli sconti acquistando online.

Oltre a pianificare con attenzione l'invio, anche con qualche settimana di anticipo, è opportuno:

  • progettare attentamente i contenuti:
  • definire con precisione il proprio obiettivo:
  • sfruttare la possibilità di ideare offerte mirate per specifiche fasce di pubblico.

 

Perché inviare una newsletter per l'inizio dei saldi

Il primo obiettivo di una newsletter per il periodo dei saldi è quello più ovvio: aumentare le vendite attirando i clienti nel proprio negozio oppure convincendoli ad acquistare online.
In questo caso, la newsletter può contenere informazioni relative alla data di inizio e di fine del periodo dei saldi, codici sconto da utilizzare sull'e-shop per accedere a promo esclusive, selezioni di prodotti ideate per target specifici: la finalità è quella di trasmettere all'utente la convenienza delle proprie proposte e aiutare nella scelta, pubblicizzando gli articoli più interessanti.

Il consiglio pratico:
Per sfruttare a pieno le potenzialità dell'email marketing è importante disporre di liste di contatti di buona qualità, arricchite con informazioni utili per profilare gli iscritti in base alle loro caratteristiche e ai loro interessi.
Con OpenDEM, le liste di contatti possono essere personalizzate per gestire in modo sistematico tutti i dati di cui si dispone: oltre al campo canonico relativo all'indirizzo email, è possibile creare ulteriori voci a piacimento.
Le liste possono così essere segmentate in base agli interessi degli utenti: si può pensare all'invio di una newsletter diversa per ciascuna sottolista individuata oppure ad un messaggio contenente sconti riservati solo agli iscritti di vecchia data.

I saldi di fine stagione rappresentano anche un'ottima occasione per investire sulla fidelizzazione del pubblico. Una delle iniziative che garantisce il maggiore successo in questo senso è quella di organizzare dei “saldi in anteprima”, invitando solo le persone iscritte al servizio newsletter.
Grazie a questo semplice escamotage, i clienti storici del marchio sapranno di essere trattati con particolare riguardo e saranno senz'altro invogliati a scegliere ancora i prodotti o i servizi offerti.

Infine, non va sottovalutato l'ottimo potenziale delle newsletter come strumento di marketing virale: se il messaggio contiene sconti davvero interessanti e se la sua grafica o i suoi contenuti riescono a suscitare l'interesse dei destinatari, questi potrebbero sceglierlo di condividerlo, aumentando esponenzialmente il numero di persone raggiunte e la notorietà del mittente.

Quali tipi di attività possono prendere in considerazione l'invio di una newsletter relativi ai saldi?

I negozi tradizionali...

Per i negozi che si occupano della vendita al dettaglio di capi di abbigliamento, accessori e calzature, la newsletter (o le newsletter) per i saldi di fine stagione rappresentano un must.
D'altra parte, negli ultimi anni anche altri tipi di attività hanno iniziato ad approfittare dei periodi delle grandi svendite, nel corso dei quali, tipicamente, la propensione dei consumatori all'acquisto aumenta in modo importante. Così, dai prodotti per la cura del corpo agli articoli di elettronica, non c'è ambito merceologico per il quale non valga la pena di ideare sconti da promuovere anche attraverso l'email marketing.

Dal momento che la maggior parte degli utenti oggi consulta le email ricevute utilizzando lo smartphone, nulla vieta di proporre sconti speciali alle persone iscritte alla mailing list, specificando che per usufruire dell'offerta il cliente dovrà mostrare il messaggio ricevuto alla cassa (sfruttando il display dello smartphone oppure stampandolo).

...E quelli online

Gli e-shop possono organizzare saldi virtuali in tutto e per tutti simili a quelli dei negozi tradizionali. Anche in questo caso, la newsletter può limitarsi a segnalare alcuni degli articoli che è possibile acquistare a prezzo scontato visitando l'e-commerce oppure proporre codici sconto da inserire al termine del processo di acquisto.

Ovviamente, è fondamentale che i prezzi proposti all'interno del negozio virtuale siano coerenti con quelli mostrati nella newsletter e che il portale sia in grado di sostenere la crescita del traffico che potrebbe verificarsi subito dopo la consegna del messaggio.

Il consiglio pratico:
Una verifica della newsletter prima del suo invio, in questo caso, è sempre d'obbligo: in particolare, occorre controllare che tutti i link inseriti siano funzionanti e che indirizzino il visitatore verso le corrette landing page o schede prodotto.

 

Consigli per impostare la newsletter

Per essere certi che l'invio della newsletter per i saldi si traduca davvero in un incremento delle visite e/o della visibilità del marchio, non basta scegliere con attenzione i destinatari verso i quali spedire il messaggio, ma occorre dedicare il giusto tempo alla progettazione del messaggio.

Ideare un oggetto accattivante

L'oggetto deve annunciare il contenuto della newsletter e convincere gli utenti a consultarlo, senza ricorrere a formule che potrebbero mettere in allarme i filtri antispam (come sfilze di punti esclamativi, frasi in maiuscolo o contenti simboli come “€” o “$”).

Le regole da seguire per scegliere un oggetto efficace sono molte, tuttavia, è possibile ispirarsi ai seguenti esempi:

“Saldi di fine stagione: scegli l'offerta che fa per te!”

“Fuori tutto: le grandi occasioni dei saldi online”

“Vuoi rifarti il look? Saldi limitati in anteprima!”

Il titolo della newsletter deve trasmettere ai destinatari la brillante occasione che per loro si prospetta e, per raggiungere questo obiettivo, è bene abbandonare ogni formalismo e scegliere un'espressione molto diretta, dando del tu e sottolineando l'importanza di approfittare subito delle offerte disponibili.

Focalizzare l'attenzione sui prodotti e sugli sconti

Durante la progettazione e l'impaginazione della newsletter, occorre tenere sempre a mente qual è il suo obiettivo.

Quando si mira a proporre l'acquisto diretto di uno o più prodotti in offerta, occorre dare massimo risalto a ciascun articolo, inserendo:

  • un'immagine (possibilmente linkata da una risorsa esterna) e completa di attributo “alt” (descrizione alternativa);
  • il prezzo originale, lo sconto applicato e il prezzo finale;
  • un breve testo descrittivo;
  • pulsante o call to action “Acquista subito”.

Inoltre, è fondamentale linkare la call to action e/o l'immagine alla scheda prodotto presente all'interno dell'e-shop.

Se lo scopo del messaggio è invitare i destinatari ai saldi nel punto vendita oppure allettarli con uno sconto speciale ed esclusivo, per focalizzare l'attenzione del lettore basta ricorrere ad un'immagine creata per l'occasione, magari con l'aiuto di un grafico professionista, che dia ampio risalto alla possibilità di risparmio.
Prima di puntare esclusivamente sulle immagini, occorre conoscere tutte le regole per l'utilizzo dei file grafici nelle newsletter e tenere in considerazione l'eventualità che alcuni utenti potrebbero non visualizzare correttamente l'email.

Utilizzare un template creato per l'occasione

Chiarezza e immediatezza sono i fattori chiave di una newsletter per i saldi davvero efficace.

Indipendentemente dall'obiettivo del messaggio, per impaginare in modo impeccabile la newsletter può essere utile basarsi su un template creato appositamente per l'occasione e completo di elementi grafici per sottolineare l'entità degli sconti o la loro durata.

Il team di grafici per il web di OpenDEM, su richiesta, può occuparsi della progettazione di template esclusivi e tagliati su misura per le esigenze dell'utente. Tra i tanti aspetti da considerare per mettere a punto un buon template grafico in formato HTML, c'è la necessita di creare una struttura adatta ai dispositivi mobile: dato che la maggior parte degli utenti consultano le email ricevute utilizzando lo smartphone, è essenziale che il messaggio sia responsive, ovvero in grado di essere sempre chiaro e leggibile indipendentemente dalle dimensioni del display.

 

Accorgimenti importanti per le newsletter dei saldi

Per quanto riguarda i contenuti del messaggio, occorre riservare un'attenzione particolare alle informazioni fornite agli utenti: se gli sconti proposti nel corso dei saldi sono soggetti a restrizioni particolari (solo determinati articoli, intervallo di date specifico, spesa minima, ecc.) è bene specificarlo nel footer del messaggio; viceversa, si corre il rischio di apparire poco trasparenti e rispettosi nei confronti del proprio pubblico.

Infine, è bene pianificare con attenzione l'invio delle newsletter, così da essere certi che i messaggi giungano a destinazione proprio in corrispondenza dell'inizio dei saldi o pochi giorni prima: quando il fine è quello di segnalare agli utenti offerte lampo e sconti eccezionali, il tempismo è sicuramente uno degli elementi chiave.