Fare la giusta mossa, scegliere la migliore strategia per fare email marketing e sapere dove mettere le mani per migliorare l'effetto della propria campagna, è fondamentale se si vuole trarre il massimo profitto dalla propria newsletter. Proprio per questo motivo abbiamo realizzato una lista delle dieci migliori strategie di email marketing da mettere in pratica per migliorare il proprio risultato.

Utilizzando OpenDEM puoi gestire le tue campagne di Email Marketing in modo semplice affidandoti ai dati raccolti dalla piattaforma e individuando la migliore strategia di marketing per il tuo business. Con il nostro servizio puoi attivare un periodo di prova di 30 giorni durante il quale potrai interfacciarti con la piattaforma e attivare un abbonamento scegliendo tra la grande quantità di modalità disponibili nella sezione Prezzi.

 

 

10 consigli per rendere efficace la tua strategia di email marketing

Qui di seguito elenco dieci fattori da tenere in considerazione per ottenere successo con il proprio piano di email marketing, al fine di aumentare il coinvolgimento della lista di email, diminuire il tasso di disiscrizione e aumentare le conversioni.

1. Costruisci una mappa del percorso del cliente

persone-in-azienda-che-sviluppano-una-strategia-di-email-marketing

Per elaborare una buona strategia di email marketing è necessario conoscere il proprio pubblico. Una mappa del percorso del cliente rappresenta la storia di ogni singolo cliente, mostrando in modo visuale le loro attività, le loro interazioni e i punti di contatto con il tuo brand. In questo modo puoi individuare opportunità per migliorare la loro esperienza tramite l'email marketing. Durante la creazione della mappa del percorso del cliente, considera:
  • Chi sono i tuoi clienti. Scrivi una descrizione del tuo cliente tipico e, se hai diversi tipi di clienti, crea una mappa del percorso del cliente per ciascuno di essi.
  • Come sono strutturate le diverse fasi del tuo imbuto di vendita. Capisci come i tuoi clienti le attraversano. Molte volte potrebbe rivelarsi un percorso non lineare.
  • Quali sono i pensieri, le aspettative e gli obiettivi desiderati dai tuoi clienti. Assicurati di coinvolgerli in ogni fase.
  • Dove si verificano i punti di abbandono dei clienti. Per fare ciò, puoi analizzare i dati del traffico del sito, condurre sondaggi sui feedback dei clienti, indagare sui temi comuni presenti nei ticket di assistenza o studiare le abitudini di acquisto.
Una volta che avrai ottenuto una rappresentazione visiva di tutto ciò, dovresti essere in grado di identificare i punti del percorso del cliente in cui puoi alleviare un punto di dolore, affrontare un punto di caduta o migliorare l'esperienza per aiutarlo nel suo percorso di conversione.
 

2. Sfrutta la segmentazione delle email per inviare contenuti più pertinenti

La segmentazione nell'email marketing è fondamentale per il successo della tua strategia di email marketing. Se non segmenti, stai includendo tutti i tuoi destinatari in una stessa strategia di email marketing, che spammerà i tuoi potenziali clienti con contenuti irrilevanti. Queste email finiranno nel cestino.


Per trarne il massimo beneficio, è fondamentale fare marketing rivolto ad un pubblico unicoò. Questo significa considerare tutti i diversi dati demografici e comportamentali che hai sui tuoi utenti e utilizzarli per segmentarli in gruppi sempre più specifici e mirati, al fine di inviare contenuti completamente personalizzati per ogni individuo che compone la tua lista di destinatari. Ecco alcune idee per la segmentazione delle email:

  • Crea gruppi di utenti in base a un acquisto precedente, per poi consigliare loro prodotti o servizi che potrebbero apprezzare.
  • Segmenta in base alla lingua o al paese di origine o di preferenza del destinatario e modifica la lingua, il testo e la valuta per adattarli.
  • Segmenta in base al titolo di lavoro, all'anzianità e alle dimensioni dell'azienda e modifica di conseguenza la cadenza, il messaggio o il tema della campagna.
  • Segmenta per punteggio di intento.

 

3. Utilizza la personalizzazione delle email per aumentare i tassi di coinvolgimento

La segmentazione delle email va di pari passo con la personalizzazione delle email, quindi è naturale includerla.
Le ricerche dimostrano che il 90% dei consumatori trova i contenuti personalizzati molto o in qualche modo attraenti, e il 91% dei consumatori è più propenso a sostenere aziende che forniscono raccomandazioni e offerte su misura per loro. Un esperimento ha inoltre concluso che, quando ai consumatori è stato mostrato un annuncio basato sull'attività del sito, le percentuali di clic sono aumentate dell'11% e il fatturato del prodotto è cresciuto del 38%.

Come iniziare a personalizzare le campagne di email marketing? Ecco alcuni metodi da provare:

  • Includi nella tua campagna email i dati di base dell'identità, come il nome di battesimo.
  • Aggiungi al design e al testo dell'email dettagli rilevanti sull'attività del destinatario, come il logo o il settore.
  • Adattate il messaggio in base alla posizione del destinatario nell'imbuto di vendita: i destinatari più in alto dovrebbero in genere ricevere un messaggio più ampio sulla vostra azienda, mentre quelli più vicini alla conversione tendono a desiderare dettagli specifici sul prodotto o sul servizio.

 

4. Mantieni pulita la tua lista email per aumentare la deliverability delle email

Avere una lista email pulita aumenta la reputazione del mittente presso i provider di servizi email (ESP) come Gmail o Outlook. Una reputazione di mittente più alta significa che è più probabile che la tua email venga consegnata con successo al destinatario, invece di ricevere un errore di soft bounce o hard bounce.


Una buona reputazione aumenta anche la possibilità che l'email arrivi nella casella di posta del destinatario, invece di essere filtrata nella sua cartella spam. Questa pratica è chiamata "deliverability" delle email. Poiché è probabile che un maggior numero di destinatari veda, si fidi e apra le tue email se queste vengono recapitate nelle loro caselle di posta, la deliverability è direttamente correlata a un aumento dei livelli di coinvolgimento nelle email e quindi a un ROI più alto. Sebbene ci siano molti fattori che influiscono sulla deliverability complessiva delle tue email, l'igiene delle liste email è importante, quindi la pulizia regolare delle liste email o lo scrubbing delle email dovrebbero far parte delle pratiche della tua strategia di email marketing.

Ecco alcuni suggerimenti rapidi su come sistemare la tua lista email:

  • Usa il doppio opt-in quando iscrivi nuovi utenti. Questo non solo convalida l'indirizzo email del destinatario, ma conferma anche la sua intenzione di ricevere le tue comunicazioni di marketing.
  • Evita di inviare email a indirizzi che restituiscono errori di rimbalzo più di una volta.
  • Non inviare email a indirizzi che restituiscono errori di rimbalzo morbido più volte in un certo periodo di tempo. Considera la tua cadenza di invio delle email quando stabilisci la tua politica di soft bounce.
  • Rimuovi regolarmente gli iscritti inattivi dalle tue comunicazioni email principali e aggiungili a una lista di "utenti non coinvolti". Potrai sempre cercare di coinvolgere nuovamente questi utenti con una campagna di riattivazione a goccia.

Se i vostri strumenti lo consentono, automatizzate la segmentazione per filtrare automaticamente questi utenti. In questo modo, la pulizia periodica di primavera si trasforma in un sistema vivo e in continua evoluzione.

 

5. Fornisci valore in ogni campagna per mantenere i destinatari coinvolti

È importante fornire valore ai destinatari delle campagne di email marketing, in modo che si sentano coinvolti e ottengano qualcosa in cambio della condivisione dei loro dati di contatto con la tua azienda. Durante la creazione di una campagna, cerca di capire come la tua azienda può aiutare i clienti a risolvere i loro problemi di tutti i giorni o spingerli a raggiungere i loro obiettivi. Una volta fatto ciò, crea contenuti di alta qualità che siano focalizzati sui bisogni dei clienti e che offrano un reale valore in cambio dell'apertura dell'email.

Invece di mettere al primo posto il prodotto, concentrati sui bisogni del cliente. Alcuni modi per offrire valore ai destinatari delle email sono fornendo informazioni utili, agevolando la loro vita, creando un senso di appartenenza, intrattenendoli, ispirandoli o coinvolgendoli in iniziative di beneficenza.

 

6. Utilizza l'automazione delle e-mail per migliorare e scalare la strategia di e-mail marketing

Uno studio del 2022 ha rilevato che l'utilizzo dell'automazione delle e-mail per l'invio di e-mail attivate ha portato a tassi di apertura più elevati del 71% e a tassi di clic più alti del 102% rispetto alle loro controparti non attivate, quindi è chiaro che l'automazione delle e-mail è fondamentale per massimizzare il ROI della vostra strategia di e-mail marketing. Entriamo nel dettaglio dell'automazione delle e-mail per capire come utilizzarla al meglio a vostro vantaggio. L'automazione delle e-mail è l'invio automatico di una o una serie di e-mail a un destinatario in base alle sue azioni o eventi registrati, noti come "trigger".

Alcuni dei più comuni trigger di automazione delle e-mail sono:

  • Inneschi demografici, come le e-mail di compleanno e le offerte regionali.
  • Inneschi comportamentali, come le e-mail sui carrelli abbandonati.
  • Inneschi temporali, come le e-mail che informano i clienti di un'offerta in scadenza, di una data di riordino imminente e di richieste di feedback.
  • L'automazione delle e-mail vi permette di raggiungere la persona giusta con il messaggio giusto al momento giusto, senza doverlo fare ogni volta. La parte migliore? È totalmente scalabile; una volta impostati i trigger, essi inviano automaticamente le e-mail pertinenti a tutti gli utenti che li attivano, che si tratti di 10 utenti o di 10.000.

Va notato che non tutti gli ESP sono in grado di impostare i trigger. Se questo è il vostro caso, date un'occhiata ai nostri consigli sul miglior software di automazione del marketing ed esplorate anche i numerosi vantaggi dell'automazione del marketing che possono soddisfare le vostre esigenze individuali.

 

7. Scrivi un oggetto accattivante

L'oggetto di un'email è il primo elemento che il destinatario vede quando riceve il messaggio e può determinare se aprire o meno l'email. È importante che l'oggetto sia accattivante e che susciti l'interesse del destinatario, altrimenti il contenuto dell'email non verrà mai letto. Ecco alcuni consigli per scrivere oggetti di email efficaci:

  • Personalizzali senza essere invadenti.
  • Tienili brevi (meno di 40 caratteri se possibile)
  • Rendili pertinenti per il destinatario.
  • Includi un'offerta o un vantaggio.
  • Usa un tono umano e considera anche il testo dell'intestazione dell'email (che è la seconda riga dell'oggetto e può fornire ulteriori informazioni o contesto).

 

8. Traccia e analizzare le metriche di email marketing

Il monitoraggio delle metriche è il principale strumento utilizzabile per misurare il successo della strategia di email marketing e dei suoi componenti. Osservando le metriche delle campagne in modo aggregato, è possibile avere una visione chiara di come tutto debba andare per favorire la vostra strategia complessiva. Studiando le metriche delle singole campagne, si possono identificare i punti di forza o di debolezza lungo il percorso e vedere cosa si può apprendere da ciascun errore compiuto.

Quindi, quali sono le metriche da considerare per misurare il successo della vostra strategia di email marketing?

  • Tasso di consegna: Quante email sono state effettivamente consegnate alla vostra lista, in percentuale rispetto al numero di email inviate.
  • Tasso di disiscrizione: La percentuale di destinatari che si sono cancellati dalle vostre e-mail. 
  • Tasso di apertura: La percentuale di email consegnate effettivamente aperte dal destinatario. 
  • Tasso di clic: La percentuale di destinatari totali che hanno cliccato su un link della vostra e-mail.
  • Tasso di reclamo: La percentuale di destinatari che si sono lamentati con il loro ISP per la vostra e-mail o che l'hanno contrassegnata come spam. 
  • Tasso di clic-apertura: Il numero di destinatari che hanno cliccato sulla vostra e-mail rispetto al numero di destinatari che avete inviato. 

 

9. Sperimenta in piccolo e spesso

La sperimentazione è fondamentale per ottenere strategie di email marketing di successo, poiché aiuta a mantenere l'email marketing rilevante e coinvolgente per il pubblico, iterando continuamente ciò che è stato imparato in passato. Se non si sperimentano nuove idee nel piano di email marketing, non si progredisce. La sperimentazione dovrebbe far parte della cultura del piano di email marketing.

Anche se un'idea non va come previsto, è altrettanto importante capire cosa non piace al pubblico quanto cosa piace, poiché queste informazioni possono aiutare a modellare l'evoluzione del piano. Ecco alcuni passi per sperimentare con l'email marketing: capire cosa migliorare, formulare un'ipotesi, testare l'ipotesi, analizzare i risultati e capire quali modifiche apportare, documentare tutto e ripetere questi passaggi con altri esperimenti.

 

10. Assicurati che le tue email funzionino per tutti i membri della lista email

Per assicurarsi che il contenuto delle campagne email che fanno parte della propria strategia di email marketing sia comprensibile e actionable da parte di tutti i membri della propria lista, è necessario fare in modo che le email: si visualizzino correttamente su tutti i client e browser di posta elettronica, abbiano un design reattivo che si adatti alle dimensioni dello schermo, siano progettate, scritte e codificate tenendo conto dell'accessibilità.

Infatti, a cosa servono tassi di consegna elevati, oggetti di email di prim'ordine e contenuti validi e coinvolgenti se il design dell'email è sbilanciato quando viene aperta, se un pulsante non funziona o se una parte del pubblico non è in grado di navigare nell'email? Avere tutte queste basi coperte è fondamentale per il successo della propria strategia di email marketing.

Telefono con applicazione contenente statistiche per studiare le migliori strategie di email marketing