Perché è utile ricorrere anche ai canali social per la raccolta dei contatti email.

Introduzione

Alla base del successo di una campagna promozionale incentrata sull'invio di newsletter c'è la possibilità di rivolgersi ad un pubblico ampio, ma che sia anche potenzialmente interessato ai contenuti proposti all'interno dei messaggi e soprattutto favorevole alla ricezione delle email in questione.

Costruire una mailing list di qualità è uno dei compiti più difficili quando ci si avvicina al mondo dell'Email Marketing per la prima volta. Spesso, si cede alla tentazione di utilizzare indirizzi di posta elettronica di cui si è entrati in possesso per altre motivazioni (utenti registrati sul proprio sito, contatti commerciali, ecc.) oppure a quella di acquistare blocchi di indirizzi già pronti, senza fare la giusta attenzione al loro metodo di acquisizione.

Ricorrere a queste vie, per quanto semplici, spesso si rivela un errore: le norme contenute nel D.Lgs. 196/2003 stabiliscono che l'indirizzo di posta elettronica rappresenta un dato sensibile e, in quanto tale, non può essere utilizzato in alcun modo senza il consenso della persona alla quale appartiene. L'uso improprio delle newsletter e il loro invio non autorizzato configurano un comportamento da “spammer”, che può tradursi non solo in un danno per l'immagine del mittente, ma può persino esporre ad azioni legali da parte degli utenti.

L'unica tattica che garantisce risultati sicuri e mette al riparo da qualunque effetto collaterale dell'Email Marketing consiste nell'occuparsi personalmente della raccolta dei contatti, collezionando gli indirizzi di posta elettronica dal vivo oppure online, a seconda della natura del proprio business.

La raccolta via web, in particolare, offre molte possibilità e consente di creare liste di grandi dimensioni in un arco di tempo molto breve se si adottano i giusti accorgimenti.

Un'idea molto interessante per utilizzare nel migliore dei modi tutte le risorse offerte dalla rete consiste nel proporre l'iscrizione alla propria mailing list sfruttando i profili posseduti sui vari social network, Facebook e Twitter in primis.

 

L'iscrizione alla mailing list mediante social network

Sfruttare le proprie pagine social per offrire agli utenti la registrazione al servizio newsletter rappresenta una strategia molto efficace, perché le persone che hanno messo un “mi piace” alla pagina Facebook dell'azienda o che hanno scelto di diventare “follower” del profilo su Twitter, molto probabilmente sono interessate ai temi trattati dal progetto in questione, ai servizi offerti o alla tipologia di prodotti venduti. Sfruttate questo bacino di utenza, in sostanza, si rivela una scelta molto saggia, in grado di portare a mailing list di ottima qualità e ad un forte incremento del tasso di conversione.

Tanto su Facebook quanto su Twitter si può scegliere di pubblicare una tantum oppure con cadenza periodica, un post che inviti ad iscriversi alla newsletter, inserendo un link verso il modulo di registrazione presente sul proprio sito web o su un'altra risorsa esterna.

In alternativa, richiedendo assistenza ai tecnici di OpenDEM, il servizio online per l'invio di newsletter e la gestione di campagne DEM, è possibile creare un modulo da integrare direttamente all'interno delle proprie pagine pubbliche sui social network, così da rendere ancora più intuitiva la procedura di registrazione.

In ogni caso, è fondamentale incentivare gli utenti ad iscriversi offrendo benefit particolari oppure illustrando quanto siano utili e interessanti i contenuti delle newsletter. Da questo punto di vista, è opportuno anche ricordare che le strategie di web marketing adottate devono essere necessariamente diversificate: i contenuti proposti dalle newsletter non possono essere gli stessi pubblicati nei post sui social network, perché in questo caso l'interesse degli utenti finirebbe presto per venire meno.

Quando si intende sfruttare entrambi questi canali e, anzi, fare in modo che l'uno aiuti a trovare ulteriori contatti per l'altro, diventa necessario stabilire un piano editoriale preciso: in questo modo, qualora fosse necessario trattare periodicamente gli stessi temi, si potrebbe procedere ad un'attenta calendarizzazione degli invii di newsletter e della pubblicazione di post su Facebook e Twitter.

 

I pro e i contro

Come già accennato, il principale vantaggio del ricorso ai social network consiste nella possibilità di intercettare utenti che hanno già espresso il proprio interesse verso i temi trattati o la tipologia di servizi proposti dalla propria attività e che, ragionevolmente, potrebbero essere interessati a ricevere offerte, segnalazioni di occasioni interessanti e aggiornamenti direttamente nella propria casella di posta elettronica.

Di contro, va detto che la gestione del canale social e di quello relativo all'Email Marketing potrebbe portare ad una moltiplicazione degli sforzi necessari per catturare l'attenzione degli utenti, lavorare sulla loro fidelizzazione e cercare di trasformare i contatti in vendite dirette o nella stipula di nuovi contratti.

In ogni caso, utilizzando in modo attento i social network è possibile raccogliere un numero elevato di contatti in un arco di tempo molto breve. Di conseguenza, ci si troverà inevitabilmente di fronte all'esigenza di organizzarli in modo pratico e veloce all'interno di una o più mailing list.

Questa attività diventa questione di pochi minuti quando si ricorre ad un tool per la gestione delle campagne di Email Marketing professionale, come OpenDEM, che ha anche il notevole vantaggio di essere una piattaforma completamente web based. Grazie al pratico sistema per la gestione delle liste di contatti, questo servizio permette di creare una nuova mailing list, importare gli indirizzi di posta elettronica e tutte le informazioni ad essi associati e verificarne lo status attivo nel giro di qualche click, semplificando il lavoro ed eliminando completamente la presenza di contatti non validi all'interno delle propri liste.